Il non voler mangiare può essere un problema.

Pubblicato il

Nel nostro percorso di esplorazione delle difficoltà che possono rientrare nella sfera dell’alimentazione e della nutrizione affronteremo oggi il Disturbo evitante/restrittivo dell’assunzione di cibo, secondo quanto indicato nel DSM-5.  Individui che rientrano in questa diagnosi mostrano un disinteresse per l’alimentazione e per il cibo, evitano di mangiare alcuni alimenti che presentano specifiche caratteristiche sensoriali (aspetto, […]

Quello strano disturbo alimentare chiamato Pica

Pubblicato il

Come precedentemente scritto, presenterò da oggi una serie di articoli sul tema dei Disturbi della nutrizione e dell’alimentazione. Inizierò presentando il quadro diagnostico della Pica descritto nel DSM-5 (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali). La caratteristica principale che contraddistingue questo disturbo è la persistente ingestione di sostanze senza contenuto alimentare e non commestibili. Tale […]

Come capisco se è lo psicoterapeuta giusto per me?

Pubblicato il

La prima domanda che si fa chiunque sta decidendo di andare dallo psicologo è: Come faccio a capire se il terapeuta è bravo? E anche se è bravo, come faccio a capire se fa al caso mio? Oggi ci sono centinaia di siti e applicazioni che forniscono elenchi di professionisti, ma gli psicologi sono tantissimi: […]

Sono una terapeuta non un “guru”: l’importanza del restituire la responsabilità delle proprie scelte al paziente

Pubblicato il

Uno degli aspetti importanti della figura del terapeuta è stabilire una relazione di accoglienza e fiducia  con  il proprio paziente che porti ad un cambiamento e non solo in un approccio informativo. La maggior parte di noi terapeuti arriva a questo mestiere con una capacità innata di essere empatici e abbiamo spesso una qualità nell’offrire […]

Quando a chiudere è il terapeuta. Etica e buone prassi dell’invio

Pubblicato il

La domanda che, con più facilità, le persone che iniziano un percorso di psicoterapia pongono al proprio terapeuta è “Quanto durerà?”. L’approccio contrattuale, ormai condiviso da diversi orientamenti ed usato in diversi contesti operativi, permette ad entrambi, terapeuta e paziente, di monitorarsi durante il percorso ed identificare il raggiungimento degli obiettivi posti. Anche nel consenso […]

L’ACT letta alla luce dell’AT. Spunti di riflessione

Pubblicato il

L’Acceptance and Commintment Therapy (ACT) è una terapia cognitivo-comportamentale di terza generazione. Ne abbiamo già parlato in un nostro vecchio articolo. L’ACT pone al centro del proprio modello il concetto di workability: non interessa se un pensiero sia vero o falso quanto se sia fattibile, ovvero aiuti la persona nel raggiungimento di una vita più […]

L’impronta dei nostri antenati nella nostra vita

Pubblicato il

Sono una psicologa sistemica relazionale quindi nel mio modo di lavorare sono abituata a vedere la famiglia come un sistema  all’interno della società in continuo scambio con l’ambiente circostante, sia come spazio primario dove l’individuo acquisisce il primo apprendimento e attivamente costruisce così la propria identità, cresce e cambia. Se andiamo a ridurre ancora di […]

Mamma rompe? Io mi difendo!

Pubblicato il

La teoria dell’attaccamento e il successivo Modello Dinamico Maturativo di Patricia M. Crittenden permette la descrizione, attraverso un’osservazione strutturata, delle dinamiche relazionali che si instaurano tra i genitori e un bambino. L’articolo si propone di descrivere alcuni stili di protezione del sé che un bambino “sceglie” in base alle sue caratteristiche temperamentali e all’interazione con […]

Lo strumento della scultura familiare

Pubblicato il

La scultura familiare fu introdotta in ambito sistemico-familiare da  Virginia Satir negli anni 70 e consiste nella richiesta, ai membri di una famiglia o di una coppia di dare una rappresentazione visiva e spaziale della propria immagine attraverso la disposizione dei corpi dello spazio, l’atteggiarsi delle fisionomie e delle posture, il gioco delle vicinanze e […]