La Sindrome dell’Impostore: quando nessun risultato riesce a convincerti che sei all’altezza

Pubblicato il

Nella mia esperienza di psicologo ho notato che la definizione “Sindrome dell’Impostore” piace molto ai pazienti. Perché fotografa in modo nitido due distinte sensazioni: la sensazione di essere inadeguati e manchevoli e la sensazione che da un momento all’altro qualcuno scoprirà il nostro bluff. Non vi affrettate a cercarla nei manuali internazionali tipo il DSM […]

Essere un bambino con iperdotazione cognitiva è una fortuna o una condanna?

Pubblicato il

In un interessante articolo divulgato da poco dall’Ordine degli Psicologi del Lazio si affronta il tema dei bambini gifted, cioè bambini che presentano un’iperdotazione dal punto di vista cognitivo, con abilità molto al di sopra della media. Precisamente, la definizione riportata nell’articolo è la seguente: “rispetto ai pari, mostrano (o hanno il potenziale per mostrare) […]

Livelli di ragionamento genitoriale

Pubblicato il

Patricia M. Crittenden individua 9 livelli di ragionamento attraverso cui un genitore si relaziona con il proprio figlio. I livelli si contraddistinguono da un minimo di integrazione delle informazioni all’integrazione unitaria delle stesse in relazione all’educazione del proprio figlio. Di seguito vengono elencati e descritti i diversi livelli partendo dal meno integrato:  Abdicazione È il […]

Comunicazione sarcastica ed impatto emotivo nel bambino

Pubblicato il

Nei primi colloqui con i genitori ritengo sempre di grande importanza osservare lo stile comunicativo all’interno della famiglia: una vera fotografia dei legami relazionali. I “non detti”, tanto quanto le battute ironiche o i silenzi, portano con sé un vissuto emotivo di non trascurabile impatto. In questo articolo presento, quindi, una riflessione sulla comunicazione sarcastica […]

Copione di vita e modalità disfunzionali tra vantaggio primario e secondario

Pubblicato il

L’essere umano apprende come stare al mondo all’interno di relazioni significative, relazioni cioè che rappresentano un punto di riferimento in quanto deputate a svolgere una funzione di accudimento. Come esaustivamente esposto nei precedenti articoli dei colleghi (vedi https://www.centropsike.it/2018/12/13/cambiare-il-copione-di-vita-si-puo-vi-spiego-come/  e ,https://www.centropsike.it/2018/12/11/elementi-del-copione-di-vita-controingiunzioni-ed-ingiunzioni/) all’interno di queste relazioni l’individuo apprende alcuni messaggi (ingiunzioni, controingiunzioni, programmi e slogan), verbali e non, […]

I miti familiari in un’ottica sistemica

Pubblicato il

Lavorare con la famiglia è  molto affascinante e allo stesso tempo molto complesso poiché si hanno davanti una serie di persone che ci danno contemporaneamente informazioni a livello individuale e che a loro volta sono il risultato di un processo personale che vanno ad essere parte di un tassello  di quella famiglia. La famiglia diventa […]

Quando “tentare la fortuna” non è più solo un gioco

Pubblicato il

Si parla sempre più spesso di Disturbo da gioco d’azzardo o DGA. Se da una parte ciò può essere dovuto ad un aumento dell’incidenza del fenomeno, dall’altra bisogna riconoscere le difficoltà e resistenze di tipo culturale/sociale avute nel passato e che portavano a considerarlo un “vizio” o “cattiva abitudine” della persona piuttosto che un disturbo: […]

Elementi del Copione di Vita: Controingiunzioni ed Ingiunzioni

Pubblicato il

Eric Berne (1993) sottolinea l’importanza d’insegnare al paziente a discriminare ed  individuare il suo dialogo interno, in particolare “le voci nella testa”, in quanto lo ritiene un punto di partenza utile verso il cambiamento. Ciò significa che se l’individuo è capace di cogliere e poi discriminare la provenienza di una voce dallo Stato dell’Io del […]