I Disturbi della nutrizione e dell’alimentazione.

Pubblicato il

I Disturbi della nutrizione e dell’alimentazione sono malattie molte diffuse e presenti in soggetti di diverse fasce di età. Nel DSM-5 (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali) viene descritto il quadro sintomatologico caratterizzante i diversi disturbi esistenti. Di alcune diagnosi si parla in modo cospicuo anche attraverso i media, risultando quindi più conosciute a […]

Lo “sballo” negli adolescenti

Pubblicato il

Nel mio lavoro sono molto a contatto con il mondo degli adolescenti e, quindi, con quella fase della vita piena di cambiamenti evolutivi veloci e spesso travagliati. Come ho già scritto in altre occasioni, l’adolescenza va vista nella sua complessità, ma non solo negli aspetti che più fanno penare genitori ed insegnanti: esistono risorse e […]

Trauma e infanzia

Pubblicato il

Si parla molto di trauma e sono ormai tanti gli studi che dimostrano come queste esperienze stressanti abbiano un peso sulla qualità della vita successiva. L’età della persona, inoltre, avrà un peso specifico sull’intensità delle sequele per la salute. Ho già parlato delle ACEs (Adverse Childhood Experiences – Esperienze Sfavorevoli Infantili) come eventi a forte […]

Sintomi come risultato dell’interazione tra mente e corpo

Pubblicato il

Nell’ultimi anni sono stati condotti diversi studi che hanno indagato l’impatto di eventi di vita traumatici sulla salute mentale e fisica della persona ed è ormai certo che esiste un’interazione continua top-down e bottom-up tra mente e corpo nel determinare lo stato di salute dell’individuo. Margherita Onofri e Antonio Onofri (2017) hanno presentato una rassegna […]

Empatia, autismo e neuroni specchio

Pubblicato il

In un precedente post avevo già parlato del ruolo dei neuroni specchio e della loro importanza per le interazioni umane. Giacomo Rizzolatti è stato uno degli appartenenti all’equipe di Pisa che si è occupata di ricerche sul sistema mirror, attraverso studi sulle scimmie fino a sperimentazioni sull’uomo. In un libro uscito nel 2016 ripercorre i […]

Essere un bambino con iperdotazione cognitiva è una fortuna o una condanna?

Pubblicato il

In un interessante articolo divulgato da poco dall’Ordine degli Psicologi del Lazio si affronta il tema dei bambini gifted, cioè bambini che presentano un’iperdotazione dal punto di vista cognitivo, con abilità molto al di sopra della media. Precisamente, la definizione riportata nell’articolo è la seguente: “rispetto ai pari, mostrano (o hanno il potenziale per mostrare) […]

Quando “tentare la fortuna” non è più solo un gioco

Pubblicato il

Si parla sempre più spesso di Disturbo da gioco d’azzardo o DGA. Se da una parte ciò può essere dovuto ad un aumento dell’incidenza del fenomeno, dall’altra bisogna riconoscere le difficoltà e resistenze di tipo culturale/sociale avute nel passato e che portavano a considerarlo un “vizio” o “cattiva abitudine” della persona piuttosto che un disturbo: […]

Il disagio dei ragazzi Hikikomori: come intervenire.

Pubblicato il

In questo post descriverò alcuni aspetti specifici dell’Hikikomori, fenomeno sociale di cui ho già parlato in un precedente lavoro. In particolare, mi soffermerò sulle peculiarità con cui si manifesta in Italia e sulle possibili modalità di intervento, facendo riferimento alle informazioni divulgate dall’Associazione Hikikomori Italia. Il termine hikikomori significa “stare in disparte” e descrive un […]

Giovani reclusi in casa: il fenomeno dell’Hikikomori.

Pubblicato il

Lavorando con gli adolescenti spesso mi trovo a parlare di anime e manga e della cultura giapponese in generale. Non è mancata l’occasione, quindi, di trattare anche del disagio giovanile tipico della terra del Sol Levante, ossia del fenomeno dell’hikikomori, emerso a partire dagli anni ’80. Letteralmente è una parola che significa “stare in disparte”. […]

“Solo altri 5 minuti!”

Pubblicato il

Quante volte di fronte ad un “No” i bambini e gli adolescenti rispondono con un “Solo altri 5 minuti!”? Beh, quei 5 minuti spesso diventano 30, poi 1 ora e poi si perde il senso del limite e del tempo. In un post precedente avevo riportato le indicazioni date dalla Società Italiana di Pediatria (SIP) […]