Relazioni

Il GAB ed il matrimonio

Il matrimonio:  un rapporto di convivenza tra i più complessi. Poche alleanze infatti possono suscitare emozioni cosi intense, così opposte. Siamo sempre più abituati ad assistere al doloroso e sconcertante passaggio da attestazioni reciproche di una felicità superiore, ad un gelido quanto repentino e definitivo colpo di spugna. L’Analisi Transazionale anche in questo caso puo’ aiutarci a comprendere ciò che  profondamente sostiene o smette di sostenere quell’unione matrimoniale. Ancora una volta il GAB ci aiuta a leggere i processi sottostanti. Il GAB  è l’insieme di quelli che Eric Berne definì Stati dell’Io e che raggruppò in 3 grandi insiemi, distinti ed osservabili nelle persone: lo Stato dell’Io Bambino, lo Stato dell’Io Adulto, lo Stato dell’Io Genitore, indicati in forma abbreviata con le lettere G,A,B  e diagrammati con tre cerchi sovrapposti e che si differenziano per origine e funzione come di seguito riportato:

Se ci soffermiamo a considerare l’enorme bagaglio di dati arcaici che ogni coniuge riversa nel matrimonio tramite il contributo continuo dello Stato dell’Io Genitore e dello Stato dell’Io Bambino, si puo’ anche facilmente capire come sia fortemente necessaria la presenza in ciascuno di uno Stato dell’Io Adulto al fine di poter far funzionare il rapporto matrimoniale. Che succede però nella realtà dei matrimoni che finiscono troppo spesso con il  naufragare? Potrebbe succedere che il contratto matrimoniale  sia stato realizzato, apparentemente da due adulti, ma in realtà dentro di noi messo in opera  dallo Stato dell’Io Bambino, lasciando a lui il timone. Lo Stato dell’Io Bambino concepisce il matrimonio come qualcosa che passa per quel che si sente e non per quel che si fa e che si persegue, tralasciando così il  piano fondamentale  del saper pensare e valutare rispetto al proprio sentire. Inoltre sono in pochi i coniugi il cui Stato dell’Io Genitore contenga impressioni di quello che é un buon matrimonio da cui trarre spunto, molti non ne hanno mai visto uno, finendo con il mutuare il loro concetto di matrimonio da letture ben poco realistiche ed intrise di sentimentalismo, dove magari  il marito si trova a  capo di una grande e potente azienda …torna a casa ogni sera con una mazzo di rose rosse  per la moglie che lo attende a casa immersa tra mille candele profumate pronta ad accoglierlo al meglio di sé. La realtà si allontana via via da ciò che lo Stato delI’Io Bambino aveva fantasticato e quelle fantasie irrealistiche iniziano a lasciare il posto ad uno Stato dell’Io Bambino di un umore nero che contaminano lo Stato dell’Io Adulto di ogni coniuge ed ognuno se la prende con l’altro, colpevole d’aver rotto l’incanto e l’illusione. Dunque, quando é lo Stato dell’Io Bambino ad organizzare il matrimonio, si chiudono molto spesso gli occhi su importanti differenze che non possano al vaglio dello Stato dell’Io Adulto e sotto l’occhio Protettivo ed amorevole di uno Stato dell’Io Genitore che ci indichi una direzione e ci si ritrova come due bambini furibondi vittime delle loro stesse illusioni spesso coinvolti  in giochi psicologici del tipo “Tutta colpa tua”. Un modo proficuo per approdare e poi ripartire da una scelta consapevole potrebbe essere quello di  scegliere di esaminare somiglianze e differenze con il ricorso ad un’analisi ed indagine del GAB di ciascun partner, per mettere in luce  e dare valore tanto ad affinità quanto a discrepanze nel confrontare il contenuto in ciascun partner del portato nei rispettivi Stati dell’Io Genitore, Adulto e Bambino. Quanta affinità e quanta discrepanza c’é tra lo Stato dell’Io Genitore di Lei e di Lui,quanto tra lo Stato dell’Io  Bambino di Lui e di Lei, quanto tra lo Stato dell’Io Adulto di Lui e di Lei? Già questa analisi sarebbe la premessa di un buon successo, in quanto metterebbe  entrambi i partner in condizione di prendere il matrimonio tanto seriamente da considerare la cosa con molta attenzione prima di prender la decisione  finale.

Se é vero che l’amore é figlio della libertà, perché esista l’amore in un matrimonio é necessario che lo Stato dell’Io Adulto  sia libero di analizzare e leggere i dettami del proprio Genitore interno per accettarlo o rifiutarlo  sulla base del contesto attuale, come pure di analizzare l’atteggiamento dello Stato dell’Io  Bambino  e le compensazioni moleste o giochi che esso ha messo in piedi per aderire ad un copione di vita spesso fin troppo restrittivo della propria libertà, prima di tutto di scelta.

The following two tabs change content below.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.