Età evolutiva

Che genitore sei?

Una buona qualità della relazione adulto-bambino fornisce al bambino il supporto necessario e individualizzato di cui necessita per uno sviluppo sano. È all’interno di questa relazione che un bambino si costruisce un senso di ciò che ci si può aspettare e di ciò che è possibile nella relazione con gli altri. Nelle ripetute interazioni con genitori emotivamente disponibili il bambino sviluppa le abilità e scopre le motivazioni per l’iniziativa sociale, la reciprocità e la cooperazione oltre la capacità di regolazione e autocontrollo autonomo delle emozioni.

In questo articolo verranno descritte le caratteristiche delle relazioni adulto-bambino non funzionali:

  • Ipercoinvolta

La relazione è caratterizzata da un alto coinvolgimento fisico ed emotivo che si manifesta attraverso il comportamento, il tono affettivo e un eccessivo coinvolgimento psicologico.

  • Ipocoinvolta

Il coinvolgimento da parte del genitore è sporadico. Lo scarso senso di legame si può manifestare attraverso una noncuranza più o meno accentuata delle cure prestate al bambino.

  • Ansioso/Tesa

Le interazione sono spesso di tipo teso o coartato. L’impressione generale che si osserva da questo tipo di relazione è uno scarso senso di divertimento o mutualità nella coppia genitore-bambino.

  • Arrabbiata/Ostile

Interazioni che seguono una modalità brusca e rude. Mancanza di reciprocità dal punto di vista emotivo.

Negli articoli successivi verrà analizzata ognuna delle relazioni sopra descritte indicando le modalità comportamentali, cognitive ed emotive di ogni stile.


DC: 0-3 R, Diagnostic Classification of Mental Healt and Developmental Disorder of Infancy and Early Childhood, National Center For Infants, 2014.

The following two tabs change content below.
Psicologo, Psicoterapeuta dell'età evolutiva specializzato nei disturbi del comportamento. Mi occupo della valutazione, diagnosi e riabilitazione di bambini con disturbi del comportamento e delle famiglie che hanno difficoltà a gestire i propri figli con diagnosi di ADHD e disturbi del comportamento esternalizzante in generale.

Ultimi post di dr Manuel Marcocci (vedi tutti)

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.