Età evolutiva

Il Coping Power Scuola: un valido aiuto per gli insegnanti … e non solo!

Sei un insegnante, della scuola dell’infanzia o primaria, con una classe in cui sono presenti bambini con problemi della condotta un po’ più marcati rispetto ai coetanei?

Oggi è possibile avere un valido aiuto grazie al Coping Power Scuola. Mentre nel precedente articolo del Dott. Manuel Marcocci  (il coping power scuola come prevenire e gestire i comportamenti disturbanti a scuola)  sono state spiegate l’origine e le finalità dei moduli previsti dal programma, nel presente articolo vorrei maggiormente focalizzarmi sui vantaggi che questo programma potrebbe recare e i destinatari dei vantaggi stessi.

Si tratta di un percorso di prevenzione primaria, svolto sulla classe dai docenti, adeguatamente formati da psicologi, integrato nella programmazione didattica.  Esso è stato elaborato con docenti, quindi costruito nelle scuole stesse, e risulta essere testato e sperimentato.

Un importante vantaggio degli insegnanti è sicuramente l’acquisizione di competenze per gestire classi sempre più diversificate nei bisogni e negli apprendimenti, con situazioni problematiche e Bisogni Educativi Specialidivenendo più attenti e sensibili alle esigenze dei singoli alunni.

Gli allievi di pari passo avranno obiettivi personalizzati da raggiungere, ma allo stesso tempo nella classe sarà favorita l‘inclusività e la prosocialità, attraverso frequenti attività di apprendimento Cooperativo in gruppo classe o piccoli gruppi. Si riscontrerà, quindi, una minore iperattività/disattenzione, si presenteranno minori condotte inadeguate in classe e tutto ciò andrà a migliorare il rendimento scolastico.

Altri destinatari dell’intervento sono i genitori che verranno correntemente informati sia delle finalità del programma all’inizio sia della qualità  del suo svolgimento.


http://www.copingpowerscuola.it/coping-power-scuola

 

The following two tabs change content below.
Psicologa e in formazione come psicoterapeuta. Ha esperienza teorica e lavorativa con i Disturbi Specifici dell’Apprendimento, ADHD, Disturbi dello Spettro Autistico, sia con gli individui direttamente interessati sia con quelli che gravitano intorno a loro (genitori ed insegnanti).

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.