Sesso

Quando sesso e amicizia si incontrano: le relazioni friends with benefits

I cambiamenti culturali e sociali degli ultimi anni hanno portato alla definizione di nuove tipologie di rapporti interpersonali, tra cui troviamo le relazioni friends with benefits (letteralmente “amici con benefici”), molto frequenti tra giovani adulti, ma non solo. Al contrario di chi sostiene che il sesso stabilisca un netto confine tra un’amicizia e una relazione romantica, gli amici con benefici condividono intimità fisica ma non si definiscono come coppia e soprattutto non si impegnano in una relazione esclusiva.

Alcuni aspetti di queste relazioni sembrano suggerire che i partner si comportino come se fossero una coppia, dandosi appuntamenti, scambiandosi informazioni personali e gesti di affetto. Allo stesso tempo i friends with benefits evitano di definire il loro legame, il proprio status, i confini della relazione e tendono a mantenere la vera natura del rapporto piuttosto riservata, per cui non si può parlare effettivamente di un’identità di coppia condivisa.

Si tratta di relazioni sessuali in cui alla base vi è un legame di amicizia, fatto di intimità e fiducia, in cui però non ci si impegna in maniera esclusiva con l’altra persona e si evitano eventuali discorsi scomodi sulla definizione e sul futuro della relazione. Il clima di fiducia permette ai partner di esplorare la sessualità e sperimentarsi più liberamente, ma può far abbassare la guardia rispetto all’utilizzo di precauzioni, esponendo maggiormente al rischio di infezioni sessualmente trasmissibili e gravidanze indesiderate.

Il motivo principale che spinge a intraprendere questo tipo di relazioni sembra essere il desiderio sessuale. I maschi riportano tale motivazione come primaria, mentre per le femmine costituisce la seconda scelta, adducendo invece come motivo principale il desiderio di connessione emotiva con l’altro. Tale disparità può essere dovuta all’idea sociale per cui agli uomini è concesso più facilmente di vivere una sessualità slegata dal coinvolgimento emotivo, mentre le donne vengono ancora giudicate se interessate al sesso occasionale o decontestualizzato da un legame romantico. Inoltre gli uomini intraprendono più spesso relazioni di friends with benefits simultanee e riportano un numero maggiore anche di esperienze passate, se comparati con le donne.

Per altri aspetti invece i due generi sembrano essere più simili: per entrambi l’impegno a livello amicale sembra essere molto forte e più importante rispetto alla relazione sessuale, per cui il “benefit” principale sembra essere proprio il legame di amicizia.

Riguardo le aspettative di evoluzione della relazione, uomini e donne hanno idee diverse. In particolare, gli uomini sembrano desiderare maggiormente che il rapporto resti invariato, mentre le donne sperano in un cambiamento, che sia di ritorno a una semplice amicizia o, più spesso, di evoluzione verso una relazione a tutti gli effetti.

La particolare natura delle relazioni tra amici con benefici non esime dal rischio di complicazioni: non provare gelosia, non innamorarsi, non parlare a terzi del rapporto, sono alcune delle regole sociali ed emotive implicate e non sempre esplicitate. Infrangere queste e le altre eventuali regole può voler dire porre fine alla relazione friends with benefits, in cui l’affetto che lega i partner li induce a non voler ferire i sentimenti dell’altro e soprattutto non rovinare il rapporto di amicizia. In questi contesti la chiarezza è fondamentale: esplicitare le regole ed esprimere le proprie aspettative, possono essere delle strategie di comunicazione efficaci affinché alla fine della relazione nessuno dei due amici avverta la sensazione di essere stato usato, ingannato o si senta ferito. Le statistiche però sembrano essere rassicuranti da questo punto di vista: tra i giovani adulti solo il 20% delle relazioni friends with benefits subiscono un deterioramento, mentre per la restante maggioranza si resta amici anche quando l’intimità finisce.

 

Lehmiller, J. J., VanderDrift, L. E., & Kelly, J. R. (2011). Sex differences in approaching friends with benefits relationships. Journal of sex research, 48(2-3), 275-284.

Owen, J., Fincham, F. D., & Polser, G. (2016). Couple identity, sacrifice, and availability of alternative partners: dedication in Friends With Benefits Relationships. Archives of Sexual Behavior, 1-7.

Pappalardo D., Merafina N., Rossi R., (2016). Friends with benefits: attuali prospettive di relazione. Rivista di Sessuologia Clinica 1/2016, 71-92.

 

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.