Lo psicologo clinico in contesti istituzionali. Etica e buone prassi

Pubblicato il

In articoli precedenti abbiamo già affrontato modelli e strumenti in aiuto dello psicologo che opera in contesti istituzionali, evidenziando l’utilità del contratto e conoscendo il modello degli OK Modes. Oggi vi invito a riflettere sugli aspetti etici e metodologici del lavorare, come psicologi clinici, all’interno di contesti istituzionali (ASL, Associazioni, Strutture…). Una delle domande di natura […]

“Il bambino non desiderato”

Pubblicato il

Nella pratica terapeutica si possono incontrare persone con difficoltà e sofferenze di intensità e specificità molto differenti, ogni individuo con la propria storia di problematicità, ostacoli o criticità e di strategie attuate per superare tutto ciò. Di recente ho letto un articolo di Aaron Lederer (1996), nell’estratto rielaborato in italiano da Claudia D’Aversa (PTSTA e […]

Operare in contesti organizzativi: il modello AT degli OK Modes

Pubblicato il

Può capitare, operando  all’interno di contesti organizzativi/istituzionali, di trovarsi ad affrontare alcune “impasse comunicative”, ovvero situazioni di blocco in cui la comunicazione è inefficace. Per comprendere meglio come intervenire sul blocco, viene in nostro aiuto il modello degli OK Modes di Moutain e Davidson. Il modello fornisce, visivamente, un riscontro su come ci attiviamo, in […]

Psicoterapeuta e paziente: “L’incontro”

Pubblicato il

Molte volte le persone iniziano il loro percorso di psicoterapia senza sapere in maniera del tutto consapevole che cosa stanno facendo e senza sapere che cosa chiedere con chiarezza e definizione al terapeuta. Si rivolgono alla figura dello psicoterapeuta affinché le faccia stare bene, tolga loro dolori, paure, tristezze, angosce, ossessioni, fobie e quant’altro. Magari […]

Operare in contesti organizzativi: l’utilità del contratto AT

Pubblicato il

Il concetto di contratto è, senza dubbio, uno dei più centrali nella filosofia e nella pratica dell’Analisi Transazionale. Berne lo definiva come “un impegno bilaterale esplicito per un corso d’azione ben definito”. Il contratto, quindi, definisce spazi, tempi e obiettivi all’interno del lavoro terapeutico. Stesso dicasi per chi, come terapeuta, opera all’interno di organizzazioni. I […]

Il transfert narcisistico secondo Kernberg

Pubblicato il

Nel suo lavoro terapeutico, Otto Kernberg considera centrale il lavoro sul transfert. Nella sua pratica con i pazienti a funzionamento borderline, distingue il grado di patologia della struttura di personalità ed i modelli tranferali. In questo articolo ci focalizzeremo sul transfert narcisistico. Come riconoscere un tranfert narcisistico? I pazienti con predominanza di transfert narcisistici, dice […]

Sostenere i genitori (parte II)

Pubblicato il

In un precedente post ho delineato alcune premesse teoriche a cui faccio riferimento nella mia attività professionale di sostegno alla genitorialità, riprendendo un lavoro presentato dalla dott.ssa Monica Guarise (2013). Qui descriverò gli aspetti del bambino da lei tenuti in considerazione nel suo modello d’intervento che integra e arricchisce l’apporto di diversi autori. Cosa caratterizza […]

Il Coping Power Scuola: come prevenire e gestire i comportamenti disturbanti a scuola

Pubblicato il

Il Coping Power Scuola nasce come adattamento al contesto scolastico dell’intervento originale Coping Power Program sviluppato per bambini con disturbi del comportamento.  Le basi teoriche del Coping Power Scuola (CPS) e del Coping Power Program (CPP) fanno riferimento al Contextual Social-Cognitive Model (Lochman, Wells), un modello ecologico dell’aggressività in età evolutiva che ipotizza che i […]

Sostenere i genitori (parte I)

Pubblicato il

Oggi presenterò una modalità di intervento rivolta al sostegno per la genitorialità. Nell’affrontare l’argomento farò riferimento ad un modello presentato dalla dott.ssa Monica Guarise (psicoterapeuta ad orientamento analista transazionale) in una giornata di studio organizzata nel 2011 dalla Siat presso l’Università Pontificia Salesiana. Prima di entrare nella descrizione del modello è importante definire cosa si […]

Eiaculazione precoce: esiste un rimedio?

Pubblicato il

L’eiaculazione precoce è una delle difficoltà sessuali maschili più frequenti. Si stima una prevalenza del 20-30% di uomini con preoccupazioni relative al controllo dell’eiaculazione nella popolazione generale. Solo in tempi recenti, dagli anni ’50 in poi, cioè da quando si è iniziato a dare importanza anche al piacere femminile, la durata del rapporto sessuale ha […]