ProcessI di cambiamento nella psicoterapia con il bambino. Una metariflessione

Pubblicato il

L’incontro con il bambino, all’interno del setting di psicoterapia, non è mai un incontro univoco. Incontriamo la famiglia, raccogliamo diversi livelli di narrazione: il riferito dei genitori e, in alcuni casi, degli insegnanti o figure adulte che si occupano di lui. All’interno di un Servizio che coinvolge diverse figure professionali, poi, l’incontro riguarda anche l’équipe: […]

Quando a chiudere è il terapeuta. Etica e buone prassi dell’invio

Pubblicato il

La domanda che, con più facilità, le persone che iniziano un percorso di psicoterapia pongono al proprio terapeuta è “Quanto durerà?”. L’approccio contrattuale, ormai condiviso da diversi orientamenti ed usato in diversi contesti operativi, permette ad entrambi, terapeuta e paziente, di monitorarsi durante il percorso ed identificare il raggiungimento degli obiettivi posti. Anche nel consenso […]

Comunicazione sarcastica ed impatto emotivo nel bambino

Pubblicato il

Nei primi colloqui con i genitori ritengo sempre di grande importanza osservare lo stile comunicativo all’interno della famiglia: una vera fotografia dei legami relazionali. I “non detti”, tanto quanto le battute ironiche o i silenzi, portano con sé un vissuto emotivo di non trascurabile impatto. In questo articolo presento, quindi, una riflessione sulla comunicazione sarcastica […]

L’ACT letta alla luce dell’AT. Spunti di riflessione

Pubblicato il

L’Acceptance and Commintment Therapy (ACT) è una terapia cognitivo-comportamentale di terza generazione. Ne abbiamo già parlato in un nostro vecchio articolo. L’ACT pone al centro del proprio modello il concetto di workability: non interessa se un pensiero sia vero o falso quanto se sia fattibile, ovvero aiuti la persona nel raggiungimento di una vita più […]

Stati mentali a rischio in età evolutiva. Prodromi del disturbo psicotico

Pubblicato il

In precedenza abbiamo già affrontato il tema della salute mentale in età evolutiva (temi come l’ansia sociale,  depressione e suicidio in adolescenza e comportamenti a rischio in adolescenza sono alcuni di questi). Nella valutazione clinica del disagio risulta sempre più importante osservare non solo la problematica con cui il bambino/adolescente giunge alla nostra osservazione, bensì […]

Lo psicologo clinico in contesti istituzionali. Etica e buone prassi

Pubblicato il

In articoli precedenti abbiamo già affrontato modelli e strumenti in aiuto dello psicologo che opera in contesti istituzionali, evidenziando l’utilità del contratto e conoscendo il modello degli OK Modes. Oggi vi invito a riflettere sugli aspetti etici e metodologici del lavorare, come psicologi clinici, all’interno di contesti istituzionali (ASL, Associazioni, Strutture…). Una delle domande di natura […]

Nascita e correlati neurobiologici dell’attaccamento

Pubblicato il

Il parto è un momento centrale nello sviluppo dell’attaccamento. Nel blog abbiamo già trattato il modello di Zeifman ed Hazan e descritto strumenti di valutazione dell’attaccamento nei bambini. In questo articolo definiremo i correlati neurobiologici che connettono parto e attaccamento. Ossitocina e attaccamento Il legame madre-bambino è regolato da rigide leggi biologiche determinate, per molti […]

Bias cognitivi nella valutazione del lavoro flessibile

Pubblicato il

I dati ISTAT parlano chiaro: nel I trimestre 2018 si registra un aumento dei lavoratori con contratto a tempo determinato (+2,4%) ed una flessione dei lavoratori con contratto a tempo indeterminato (-0,2%) e indipendenti (-0,7%). Il mondo del lavoro è cambiato, sta cambiando, e con esso si modificano le nostre aspettative a riguardo. La psicologia […]