Età evolutiva

Che genitore sei? (parte 3)

Nei precedenti articoli sugli stili genitoriali è stata proposta una panoramica generale delle classificazione delle relazioni disfunzionali. Nell’ultimo articolo è stata descritta il tipo di relazione definita IPERCOINVOLTA.  In questo articolo si passerà in rassegna il tipo di relazione definita IPOCOINVOLTA sempre tenendo in considerazione le caratteristiche di qualità comportamentale, tono affettivo e coinvolgimento psicologico.

RELAZIONE IPOCOINVOLTA

Caratterizzata da un legame genitore/bambino poco presente o sporadico. La criticità del legame è spesso associata alla mancanza di cure o alla bassa qualità di quest’ultime nei confronti del bambino.

Qualità comportamentale

In una relazione ipocoinvolta, il genitore è scarsamente sensibile e responsivo agli stimoli offerti dal bambino. Si denota una mancanza di coerenza tra messaggi espliciti e impliciti del genitore rivolti verso il bambino il che tende a procurare confusione dal punto di vista cognitivo nel minore. Spesso il genitore ignora o si rifiuta nel confortare il bambino riducendo la prevedibilità dei propri comportamenti. Il tipo di relazione è fredda e distaccata, il contatto oculare è scarso come la prossimità dal punto di vista fisico.

Tono affettivo

L’affettività è coartata, priva di vitalità e incapace di produrre piacere

Coinvolgimento psicologico

Scarsa consapevolezza da parte del genitore dei bisogni del bambino. Spesso il genitore è inconsapevole dei segnali che il bambino offre, minimizzandoli o non dandogli la giusta interpretazione.


DC: 0-3 R, Diagnostic Classification of Mental Healt and Developmental Disorder of Infancy and Early Childhood, National Center For Infants, 2014.

The following two tabs change content below.
Psicologo, Psicoterapeuta dell'età evolutiva specializzato nei disturbi del comportamento. Mi occupo della valutazione, diagnosi e riabilitazione di bambini con disturbi del comportamento e delle famiglie che hanno difficoltà a gestire i propri figli con diagnosi di ADHD e disturbi del comportamento esternalizzante in generale.

Ultimi post di dr Manuel Marcocci (vedi tutti)

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.