Relazioni

Vita di coppia: l’equivoco di parlare la stessa lingua

Il motivo principale di litigi e malumori nellca coppia è l’incomprensione.

Per quali cose ci si scontra più frequentemente in coppia? Il rispetto, la fedeltà, la sincerità, la collaborazione, la passione, l’onestà…  No, non è perché uno ci tiene e l’altro no. Anche quando entrambi condividono questi valori il significato delle parole non coincide.

Non si tratta (solo) di una questione di genere: se così fosse le coppie omosessuali e lesbiche non sarebbero soggette alle stesse distorsioni comunicative degli eterosessuali e non avrebbero conflitti. E invece.

Ciò è dovuto al fatto che la vita di coppia (e in generale tutte le nostre relazioni) si fonda su un gigantesco equivoco e cioè che per entrambi le parole abbiano lo stesso significato.

Non è così.

Nelle terapie di coppia e nei gruppi per coppie che si svolgono nel mio studio succede sempre che quando ci confrontiamo con le principali “parole calde” (“lealtà”, “fedeltà”, “amore”, “ascolto”, “rispetto”…) emerge in modo chiaro che ciascuno di noi parla una lingua tutta sua, apparentemente simile ma in realtà condizionata dalle esperienze e soprattutto dal “lessico famigliare”.

Il concetto di “rispetto” che ha una donna oggi, ad esempio, dipenderà fortemente dal modo in cui fin da bambina ha visto la mamma essere rispettata (o ignorata) dai maschi in famiglia e dal modo in cui chiedeva rispetto (o si sottometteva) a loro.

Vivere in coppia comporta in primo luogo il diventare traduttori della lingua dell’altro.

La chiave è la consapevolezza. Finché si dà per scontato che si parla la stessa lingua e ci si illude che le “parole calde” hanno per entrambi lo stesso valore, di finirà inevitabilmente a litigare e farsi del male reciprocamente. Ore e ore di discussioni senza però capirsi di più.

In conclusione, il primo passo per vivere in modo soddisfacente la vita di coppia è riconoscere che non c’è uno che è nel giusto e l’altro che è nel torto: ciascuno parla una lingua diversa e dà alle parole un significato personale.

Le “parole calde” hanno dentro un mondo intero. Il nostro mondo.

Un mondo radicato nel nostro passato invdiduale, della realtà che abbiamo vissuto fin da bambini e che si è confensata in parole.

Illudersi che il mondo che c’è dentro queste parole sia lo stesso mondo che ha dentro il partner è un errore gravissimo. Come è ugualmente grave dare per scontato che il partner veda la nostra realtà “oltre lo specchio” in modo automatico.

Non è facile imparare la lingua del partner e fargli conoscere la nostra. Ma sentirsi capiti e compresi dal partner è una delle esperienze più gratificanti che possiamo sperimentare. Vale la pena. E a volte, quando non ci si comprende, farsi aiutare da uno psicologo può essere una buona idea.

The following two tabs change content below.

dr Christian Giordano

Ideatore e Fondatore a Centro Psike
Psicologo, Psicoterapeuta, terapista sessuale e di Coppia, esperto in analisi transazionale e perizia grafologica. Mi occupo di disturbi di personalità, problemi sessuali, depressione e ansia. Nel mio studio accolgo ogni paziente con calore, rispetto e assenza di giudizio. Sono convinto che ogni persona può cambiare e migliorare sé stessa.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.