Relazioni

Una relazione sana di attaccamento tra adulti vuole reciprocità: “Tu ti curi di me ed io mi curo di te”

Il legame sentimentale tra due adulti puo’ essere considerato un vero e proprio “processo di attaccamento”, simile a quello che lega un bambino alla madre. Un processo dunque che ha alla base tanto il bisogno di protezione, quanto la propensione a prendersi cura dell’Altro.

Proviamo a porci qualche domanda a riguardo:

  1. Con chi mi piace passare il mio tempo ed a chi mi piace esser vicino?
  2. A chi mi rivolgo quando sono turbato/a, quando ho un problema oppure non mi sento bene?
  3. Chi non sopporto mi stia lontano o mi manca molto quando non c’è?
  4. Su chi sento di poter contare sempre e so che farebbe tutto il possibile per me?

Colui o colei a cui pensiamo nel rispondere a queste quattro domande è la persona alla quale siamo “attaccati”, legati sentimentalmente. È quella la persona che sentiamo dentro di noi possa garantirci protezione e cura.

Il legame di attaccamento tra adulti sarà caratterizzato da 4 componenti. Quest’ultime le viviamo con il partner in una sequenza temporale, una dopo l’altra e sostanziano le domande di cui sopra, in  un percorso che porta al definirsi ed allo strutturarsi di un rapporto di coppia:

  • Sentiamo il desiderio di mantenere vicinanza e contatto con quella persona.
  • La cerchiamo quando siamo turbati, sotto stress o se stiamo male. Ha il potere di restituirci un senso di rassicurante conforto, una sorta di effetto da rifugio sicuro.
  • Ci sentiamo tristi quando non c’è o è lontana, sperimentando così una certa dose di ansia da separazione.
  • Al contrario sapere e sentire che quella persona è fisicamente vicina a noi, ci fa sentir bene e leggeri. Viviamo un effetto base sicura a cui far ritorno e da cui allontanarci, per poi ritornare.

Ora tutto ciò non deve trarci in inganno. Davvero i rapporti di coppia possono essere paragonabili al rapporto madre/bambino? Certamente sì. Allora in che cosa si differenzia un rapporto tra adulti per esser considerato tale? La risposta a questa quesito è che  i legami di coppia sani si basano su una profonda reciprocità. In una coppia sana ciascun partner sarà disposto e disponibile a giocare un doppio ruolo. A seconda dei  momenti di vita di ciascuno e delle circostanze del momento, uno dei due compagni potrà offrire all’altro  protezione e conforto, mentre in altri momenti sarà alternativamente lui ad esser quello bisognoso,  bisognoso di esser protetto e confortato. Ognuno dei due partner deve poter contare sull’altro come figura di attaccamento e fonte quindi di sicurezza. Laddove questa sana alternanza di ruoli non venga  sperimentata, o perché non si vuole o perché non si hanno le competenze adulte per realizzarla o per un problema di sviluppo distorto della personalità, la coppia va in crisi ed alla lunga non funziona più.


Grazia Attili (2004). Attaccamento e Amore, Il Mulino.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.