Relazioni

Montagne russe. Siamo pronti a fare un giro?

Montagne russe. Cosa richiamano alla mente? L’adrenalina, lo stomaco sottosopra, la paura, in picchiata, in risalita, il vento sulla pelle che ad un certo punto diventa velocità estrema e non riesci a tenere gli occhi aperti, la certezza che all’ improvviso si fermerà.
Chi ci è salito almeno una volta nella vita conosce queste sensazioni. Chi ci sale la prima volta ha voglia di fare qualcosa di mai fatto, che fa un po’ paura, che sembra rischioso, eppure chi scende è felice , divertito e pronto a rifarlo.

Questa è una metafora che mi piace molto nei confronti della vita e delle emozioni che viviamo. I cambiamenti cui andiamo incontro sono esattamente così. “Oggi ho voglia di qualcosa di diverso: mi sono stancato della solita routine, del solito lavoro, del solito. Ho proprio bisogno di cambiare aria”. Tutti a lamentarsi e poi chi fa davvero un salto sulle montagne russe sono in pochi. Forse i più coraggiosi. Sì, perché ci vuole coraggio e tanto, per lasciare il certo che da sicurezze e il solito e noioso tran tran, per affrontare un cambiamento incerto ma che potrebbe portare nella nostra vita tante emozioni positive.

Chi fa un giro sulle montagne russe, metaforicamente parlando, si arricchisce sempre. L’aspetto certo è l’esperienza di una nuova realtà, una situazione o una parte di sé che ancora non si era conosciuta. E di conseguenza si allarga la mente, si scoprono nuovi limiti e le paure di prima diventano nulle. Certo ce ne saranno di nuove, ma è pur sempre una scoperta.

Perché è così difficile fare una scelta

Per affrontare un cambiamento si parte sempre da qualcosa che inizialmente non ci sta bene e vorremmo cambiarla e fin qui tutti d’accordo. Scopriamo una nuova realtà, la novità stimola l’adrenalina e tutto sembra bellissimo.

Poi arriva una seconda fase e vediamo tutto nero. Siamo in una valle di lacrime, disperati perché abbiamo mille motivi per cui non possiamo lasciare la nostra vecchia vita, le nostre abitudini, i nostri legami, il nostro stile di vita. Tutte motivazioni valide, che ci tengono però in una situazione scomoda, dove non stiamo bene, per niente bene, tanto da guardarci intorno e cercare uno spiraglio.

Oscilliamo nel conflitto fino a quando decidiamo di essere obiettivi e proviamo a valutare i pro e i contro. Bene i meno coraggiosi, circa il 90% non preoccupatevi la maggioranza è questa, sceglie di rimanere nella sicurezza di sempre costruita con fatica, che in ogni caso ci ha dato tanto e magari provare aggiustare il tiro, apportare piccoli cambiamenti, piccole modifiche per rinnovare la nostra vita.
Attenzione non è affatto una scelta sbagliata anzi. È una scelta ponderata, basata sui piccoli passi e sulla razionalità.. piano piano le cose si ottengono.

Ma pensate a quel 10% dei più coraggiosi, motivati fino in fondo che decidono di salire sulle montagne russe. Entrano in une terza fase quella della Motivazione con la M maiuscola. Devono proprio essere convinti della scelta che stanno per compiere, perché dovranno fare appello a tutte le proprie risorse, anche quelle nascoste; sono già consapevoli che potrà andare diversamente da come sperano, ma almeno ci avranno provato.

Si passa ad una quarta fase: improvvisamente, ma neanche tanto perché gli sforzi ci sono stati e tanti, le cose iniziano a prendere una piega nuova e la motivazione aumenta e si passa ad uno status di colui che ci ha provato e ci è riuscito.

E a questo punto un plauso a quel 10% di coraggiosi che decide di prendere la propria vita in mano e cambiarla in meglio, sapendo che ha sempre una scelta nella vita, che si può sempre migliorare e che è diventato il protagonista principale della propria realizzazione.

The following two tabs change content below.
Psicologa, Psicoterapeuta, Analista Transazionale. Lunga esperienza nel campo delle disabilità. Conduce gruppi e seminari rivolti alla famiglia e alla sua organizzazione. Aree di intervento Relazionale.

Ultimi post di dr.ssa Elena Giurlando (vedi tutti)

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.