Età evolutiva

Bassa autostima nel bambino e continui complimenti: utilità o paradosso?

Il fatto è che lui è un bimbo intelligente… non capisco perchè fa così! Non sei un bambino intelligente?” Dice la mamma durante il primo colloquio. Il bambino: occhi sbarrati, bocca serrata e… “no”, più volte, insistentemente, con la testa. Cos’è successo in quel preciso momento? Il bambino, che per garantirne la privacy chiameremo Andrea, ha 11 anni, viene in terapia perchè tende a zittirsi, si ritira, non parla, né con gli amichetti né a scuola. Questo comportamento di ritiro si verifica ogniqualvolta riceve una richiesta e, spesso, quando l’altro si complimenta con lui: “come sei bravo!” o “perfetto!” diventano così messaggi che spaventano.

Cos’ha imparato Andrea dalla sua storia? Che un bimbo bravo è uno che non si mostra nelle cose che sa fare, che è silenzioso e non dà fastidio: insomma, un bimbo invisibile.

Qual è l’idea che Andrea ha di sè? Andrea ha una visione di sé come inadeguato, e vive la relazione con l’altro come una continua conferma di questo.

Quindi, come l’elogio altrui, influisce sulla visione che Andrea ha di sé?

Una ricerca condotta dalla Ohio State University presenta una realtà interessante. Tanto più l’adulto percepisce livelli di bassa autostima nel bambino, tanto più aumenta il numero di elogi. Comportamento questo rinforzato dalla convizione che questi bambini abbiano bisogno di più complimenti per “sentirsi meglio”. ll punto è che questi elogi possono essere addirittura controproducenti. In uno studio interno alla ricerca, che ha coinvolto un centinaio di famiglie, è stato richiesto ai genitori di essere presenti durante alcuni esercizi effettuati dai figli, e in un secondo momento, di fornire un feedback all’esecuzione dell’esercizio. Ne è emerso che circa il 25% delle lodi erano di fatto catalogate come eccessive. Nel dettaglio, i bambini con bassa autostima sceglievano fra gli esercizi da compiere quelli più semplici se avevano ricevuto una lode eccessiva, mentre i bambini con elevata autostima, a seguito della lode esagerata, optavano per gli esercizi più complessi.

Bassa autostima nel bambino e complimenti: qual è la direzione da prendere?

Ci troviamo davanti ad un apparente paradosso: complimenti continui ed eccessivi possono aumentare ansia e stress nei bambini con bassa autostima, proprio perchè aumentano le aspettative da soddisfare. Sono pertanto da evitare in una modalità esagerata.

_______________________________________________________________________________________________________________

Confalonieri L., L’effetto paradossale dei complimenti sui bambini con bassa autostima, State Of Mind, 28/01/2014

Fogg, A.,  The art of praising children – and knowing when not to, The Guardian, 7/01/2014

Joyce, A.,  Stop heaping praise on your kids The Washington Post, 6/01/2014

Mikulak, A., When Being Called “Incredibly Good” Is Bad for Children, Psychological Science, 2/01/2014

The following two tabs change content below.

dr.ssa Laura Chirico

Psicologa, Psicoterapeuta, CTU del Tribunale Ordinario di Tivoli. Lavoro con l'età evolutiva (disturbi del neurosviluppo e psichiatrici) e con gli adulti, occupandomi prevaletemente di disturbi di personalità e disturbi dell'umore. "Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi" (M. Proust)

Cosa ne pensi?