Età evolutiva

Il ruolo dell’educatrice e il comportamento sociale al nido

 

Il crescente interesse per l’esperienza educativa e formativa degli alunni, sin dai primi anni di vita, ha favorito riflessioni sulla qualità delle proposte educative e sulla figura dell’educatrice, dando giusto rilievo al suo ruolo e agli effetti del suo intervento. Un’educatrice capace di unire competenze psico-pedagogiche, capacità relazionali e autoriflessive sarà in grado di favorire uno sviluppo armonico e un’autonomia affettiva e psicologica nel bambino. La qualità e la sicurezza dell’attaccamento che il bambino instaura con l’educatrice, infatti, favorisce nei piccoli un buon comportamento sociale. Educatrici disponibili, capaci di prevedere ed interpretare correttamente i segnali ed i bisogni del bambino e di rispondervi in modo adeguato e contingente, promuovono nel bambino la capacità di saper aspettare nel ricevere risposte alle sue richieste poiché fiducioso nella disponibilità dell’adulto. Mentre nell’interazione con i pari si mostra capace di comprendere le emozioni, di regolare gli stati d’animo, di essere più tollerante alle frustrazioni e manifestare emozioni piacevoli. Educatrici capaci di incoraggiare l’esplorazione e l’interazione sociale, inoltre, favoriscono bambini autonomi, attivi, inclini al gioco e capaci di adattarsi al contesto.

The following two tabs change content below.

Dr.ssa Elena Giurlano

Psicologa Psicoterapeuta

Ultimi post di Dr.ssa Elena Giurlano (vedi tutti)

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.