Psicologi

EMDR: la Psicoterapia del XXI secolo per affrontare il Trauma

Dal 30 Giugno al 2 Luglio 2017 si terrà a Barcellona la 18th EMDR Europe Conference. EMDR è l’acronimo per Eye Movement Desensitization and Reprocessing, indicante un metodo di psicoterapia di recente sviluppo che è stato dichiarato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (2013) come efficace per il trattamento del Trauma. Si fonda sul Processo Adattivo dell’Informazione, secondo il quale esperienze altamente disturbanti possono ostacolare la fisiologica e normale elaborazione di quanto vissuto, impedendo quei collegamenti neurofisiologici necessari per la risoluzione sana di tali esperienze. L’evento traumatico viene isolato dal resto della rete neuronale dell’individuo, non si integra, rimane attivo e accompagnato dalle stesse sensazioni, emozioni e vissuti provati nella situazione originaria, portando allo sviluppo di sintomi psicopatologici (ansia e attacchi di panico, depressione, fobie, disturbi alimentari e psicosomatici, ecc). L’EMDR, al contrario, agisce velocemente stimolando proprio le vie neuronali che sostengono la capacità innata di elaborazione dell’informazione. Pensando a questa premessa, di fronte ad un incidente, aggressione, abuso, malattia, lutto, abbandono, catastrofe naturale o storia famigliare difficile, quanta sofferenza si eviterebbe con un intervento precoce con l’EMDR, soprattutto a bambini e adolescenti ancora nel pieno del loro sviluppo?

 

Shapiro F. (1995). Eye movement desensitization and reprocessing: Basic principles, protocols and procedures. Guildford, New York.

Shapiro F. (2000). EMDR. Desensibilizzazione e rielaborazione attraverso movimenti oculari. McGraw-Hill Education.

Greenwald, R. (2000). L’EMDR con bambini e adolescenti. Astrolabio, Roma.

The following two tabs change content below.

dr.ssa Marilena Celani

Psicologa, psicoterapeuta per adulti ed età evolutiva, psicodiagnosta, terapeuta E.M.D.R., consulente in Mediazione Familiare e insegnante di Baby Massage. Mi occupo di disturbi dell’umore, disturbi d’ansia, elaborazione di esperienze traumatiche, problematicità nella relazione genitori e figli, sostegno in fasi di cambiamento del ciclo di vita, intervento in situazioni di separazione e divorzio. Lavoro nelle scuole per la formazione degli insegnanti, la gestione delle dinamiche del gruppo classe, la presenza di alunni diversamente abili, l'intervento su situazioni di emarginazione, fenomeni di bullismo o difficoltà relazionali di altro tipo. Mi occupo di gruppi di psicoeducazione per bambini e adolescenti, training sulle competenze genitoriali e corsi di Baby Massage.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.